• Futuro

    Futuro

Olga Noronha

Gli esseri umani hanno creato modi molto contrastanti e diversi per celebrare il corpo e quindi è fondamentale capire il gioiello, non solo come ornamento o accessorio alla moda, ma piuttosto come una nicchia per la creazione politica, sociologica, scientifica e tecnologica. La Sala Futuro è stata curata in un senso che presenta una vasta gamma di pezzi che variano da articoli altamente tecnologici a oggetti molto tradizionalmente fatti di materiali molto banali e senza valore o materiali molto costosi e lussuosi. L'idea alla base di questa cura era quella di creare un senso di fusione e definire i confini e le transizioni tra arte, design, scienza e modifica del corpo per le diverse discipline che sono molto contrastanti e che non sempre vanno d'accordo.

Olga Noronha
Olga Noronha

Gli esseri umani hanno creato modi molto contrastanti e diversi per celebrare il corpo e quindi è fondamentale capire il gioiello, non solo come ornamento o accessorio alla moda, ma piuttosto come una nicchia per la creazione politica, sociologica, scientifica e tecnologica. La Sala Futuro è stata curata in un senso che presenta una vasta gamma di pezzi che variano da articoli altamente tecnologici a oggetti molto tradizionalmente fatti di materiali molto banali e senza valore o materiali molto costosi e lussuosi. L'idea alla base di questa cura era quella di creare un senso di fusione e definire i confini e le transizioni tra arte, design, scienza e modifica del corpo per le diverse discipline che sono molto contrastanti e che non sempre vanno d'accordo.

Come sarà il gioiello nel futuro? Questa sala presenta i panorami e le visioni del futuro attraverso otto punti di vista contrastanti che presentano gioielli provenienti da contesti differenti e che sfidano le transizioni tra le discipline diverse, dall’arte alla modificazione corporea, dal design alla scienza. Un viaggio nel futuro intriso di ispirazioni, folgorazioni e suggestioni.

Pince-nez, Lacrima

Camille Moncomble
Pince-nez, Lacrima
2015, Parigi
Oro, zaffiri
120 x 30 mm
Collezione dell’artista

Lacrima mette in discussione la preziosità delle lacrime. Questo ornamento pensato per esaltare gli occhi ricorda le maschere utilizzate nella commedia dell’arte, suggerendo ingegno, naïveté e travestimento.
Un oggetto leggero e fluttuante che lascia spazio alla poesia e all’immaginazione di chi osserva.

Collana, Attrazione/Avversione n. 3

Kerry Howley
Collana, Attrazione/Avversione n. 3
2011, Londra
Capelli umani, resina epossidica
300 x 350 mm
Collezione dell’artista

Con un processo di straniamento dei capelli umani, Kerry Howley raggiunge un armonioso equilibrio fra attrazione e avversione. Howley compone le ciocche secondo motivi eleganti e delicati, trasformando i capelli caduti in splendide collane da indossare.

Conduttore di energia Energy Addicts

Naomi Kizhner
Conduttore di energia Energy Addicts, 2014, Israele
Oro e biopolimero stampato in 3D
140 x 40 x 5 mm
Collezione dell’artista 

Naomi Kizhner usa i gioielli come mezzo per esplorare un approccio post-umanista che considera il corpo umano come una risorsa.
Frutto di un articolato lavoro di speculazione, il Conduttore di energia Energy Addicts fa parte di una collezione di gioielli invasivi in grado di convertire in elettricità l’energia cinetica prodotta dai movimenti involontari del corpo.

Anello di sale

Iona Brown
Anello, Anello di sale – 01
2017, Londra
Cristalli di sale, filo, argento 925
60 x 70 mm
Collezione dell’artista

Anche Iona Brown mette in discussione il valore della materia, scegliendo però di ricorrere al sale. Ogni pezzo è unico e assume la forma che l’irregolare processo di cristallizzazione del sale gli conferisce. Nonostante la natura ordinaria del sale (e/o dello zucchero), ogni gioiello è un unicum proprio per la sua imprevedibilità.

Sfera nei lombi

Naomi Filmer per Alexander McQueen
Sfera nei lombi – presentata in occasione della sfilata P/E 2002 “El Baile del Toro Retorcido” di McQueen a Parigi
2001, Londra
Piastra d’argento su rame elettroformato, vetro soffiato
280 x 280 x 230 mm

Prendendo spunto dal flamenco e dallo scultore Jean Arp, Naomi Filmer continua a creare gioielli che imbrigliano la forma e lo spazio dell’anatomia umana.
Indossata durante il défilé P/E 2002 di Alexander McQueen, la Sfera nei lombi blocca le mani della modella dietro la schiena e va a riempire perfettamente l’incavo alla base della colonna vertebrale, formato dalle spalle costrette a tendersi all’indietro. L’oggetto comanda la postura della modella e ne esalta al contempo le forme.

Anello, Linee primordiali 

Hilary Sanders
Anello, Linee primordiali 
2012, Stati Uniti
Grafite
50 x 60 x 60 mm
Collezione dell’artista

La grafite ha già dato prova di essere un materiale non solo per scrivere, ma anche del quale scrivere. L’anello Linee primordiali ha una doppia funzione che solleva un dubbio su quale sia il vero veicolo di comunicazione: il corpo, il medium o l’atto centrale?

Sala Futuro

Biennio 2015-2016


ENGLISH VERSION

Organised by logo iegexpo new

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di profilazione e pubblicitari, anche di “terze parti”.
Cliccando sul tasto CHIUDI o proseguendo la navigazione verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente secondo le sue preferenze, accedendo alla sezione “gestione dei cookies” dell’informativa sulla privacy.