Gabriele Pennisi ed Emanuele Pennisi

Curatore

Gabriele Pennisi ed Emanuele Pennisi

Per la sala delle icone del Museo del Gioiello di Vicenza abbiamo pensato di esporre unicamente gioielli d’epoca, vista la nostra tradizione di famiglia e, in particolare, oggetti che vanno dal 1600 al 1930. Gli oggetti esposti fanno parte della nostra collezione privata, quindi per la prima volta verranno esposti al pubblico amante dei gioielli vintage e d’epoca. La scelta che abbiamo effettuato per la Sala delle Icone del Museo del Gioiello di Vicenza è una scelta sicuramente eclettica. Abbiamo prediletto gioielli dal diciassettesimo secolo agli anni 30 del novecento. I paesi di provenienza sono molto diversi, abbiamo sia gioielli europei e qualche gioiello americano. Sicuramente la maggior parte sono gioielli francesi. Il filo conduttore della nostra scelta è quello dell’oggetto con una raffigurazione e con un personaggio. Il più rappresentativo sicuramente è un gioiello icona vero e proprio, quindi una raffigurazione sacra e, da quello, poi abbiamo scelto gioielli che fossero una raffigurazione di personaggi classici, oppure gioielli che avessero una raffigurazione di paesaggi. Quindi un gioiello icona nel senso vero e proprio, in senso letterale, ma un gioiello che poi è diventato iconico anche di un’epoca.

Gabriele Pennisi ed Emanuele Pennisi

Biografia

Quella dei Pennisi, è una famiglia di gioiellieri antiquari giunto alla terza generazione proprio con Gabriele ed Emanuele Pennisi.  

La Gioielleria Pennisi, fondata nel 1971 da Giovanni, diamantaio con la vocazione del collezionista e la passione per l’arte antica, che continuò a Milano la tradizione della famiglia materna, fin dalla sua genesi specializza l’ora in arte Cinese e Giapponese, gioielli antichi e objets de vertu.

Rassegna stampa




    ENGLISH VERSION

    Organised by logo iegexpo new

    Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di profilazione e pubblicitari, anche di “terze parti”.
    Cliccando sul tasto CHIUDI o proseguendo la navigazione verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente secondo le sue preferenze, accedendo alla sezione “gestione dei cookies” dell’informativa sulla privacy.