Cristina Del Mare

Curatore

Cristina Del Mare

"Come antropologa ho voluto scegliere alcuni specifici talismani e amuleti con la priorità di raccontare una narrazione che va oltre gli spazi della nostra cultura occidentale e quindi troverete nella sezione una serie di elementi che risalgono addirittura al periodo preromano e vanno oltre lo schema e la struttura delle nostre società organizzate, ma che riportano l’attenzione a tutta quella serie di elementi e di credenze tipiche delle società che definiamo primitive o comunque extraeuropee."

Cristina Del Mare

Biografia

Cristina Del Mare, laureata all’Università Cattolica di Milano in Antropologia Culturale, è etnologa, studiosa di arti applicate e curatrice di eventi culturali.

Ha trascorso gli ultimi trent'anni impegnandosi nella ricerca etnografica, realizzando pubblicazioni monografiche con particolare attenzione ai significati simbolici dell'ornamentazione tradizionale e all’aspetto identitario del gioiello quale elemento rivelatore della cultura d’appartenenza.

E' stata ideatrice e curatrice di numerose mostre riguardanti diverse tematiche del gioiello, tra cui il ciclo di otto esposizioni, corredati da altrettanti cataloghi, "le Vie del Corallo" e "Mirabilia Coralii", che ha evidenziato gli aspetti storici, artistici, simbolici e antropo-poietici legati alla gemma mediterranea. Per il Museo Del Gioiello di Vicenza ha curato la mostra "I gioielli del mare" (mar.-lug. 2015)

Collabora con l’Osservatorio per le Arti Decorative dell’Università di Palermo e con il Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia.

NOTE BIBLIOGRAFICE - CRISTINA DEL MARE

Cristina Del Mare, etnografa, studiosa di arti applicate e curatrice di eventi culturali, si è laureata all’Università Cattolica di Milano in Antropologia Culturale.

Ha pubblicato numerose monografie e studi sulle tematiche dei significati antropologici e simbolici dell’ornamento occidentale ed extraeuropeo, sull’aspetto identitario dell’ornamento quale elemento rivelatore della cultura d’appartenenza, ampliando la ricerca ai vari aspetti della cultura materiale e delle arti applicate tradizionali.

Come studiosa della storia del gioiello di Vicenza, è stata coautrice de L’Oro di Vicenza (Ed.Arsenale,1994).

Ha curato numerose mostre a carattere culturale, storico, etnografico, tra cui Gioielli dall’India. Capolavori dell'arte orafa indiana, dai Moghul al '900 (Milano, 1995); India: La corte e il tempio. Gioielli dal Museo Nazionale di New Delhi (Museo Nazionale Arte Orientale, Roma, 1996); Le Vie dell’Oro. Vicenza, la Serenissima e l’Oriente. (Palazzo Chiericati, Vicenza, 2004) e alcune mostre collaterali a carattere culturale per la Fiera di Vicenza e Veronafiere.

Ideatrice del progetto Le Vie del Corallo (Napoli,1996-2006) ha curato in questo ambito sei mostre e altrettante pubblicazioni (Il corallo nella gioielleria della Mongolia,1996; Il corallo nel gioiello etnico indiano,1998; L'ornamento dell'Asia islamica dalla Turchia all'Uzbekistan,2000; Gioielli etnici e costumi tradizionali dello Yemen, 2002; Il Corallo nel gioiello etnico di Marocco e Algeria, 2004; Il Corallo dei nativi d’America, 2006). Le diverse tappe del progetto culturale hanno evidenziando i significati artistici, sociali, simbolici e antropo-poietici legati alla gemma mediterranea, tracciando parallelamente collegamenti culturali e commerciali tra l’Italia, il Mediterraneo e diversi paesi asiatici, dalla Mongolia al Medio Oriente.

Ha curato inoltre il progetto Mirabilia Coralii (2008-2011), che ha focalizzato l’attenzione sull’antica tradizione artistica della lavorazione del corallo in Italia attraverso due distinti eventi espositivi corredati da altrettanti cataloghi: Capolavori barocchi in corallo tra maestranze ebraiche e trapanesi (2008), e Manifatture in corallo realizzate tra il XVII e il XIX secolo a Genova, Livorno e Napoli (2011).

Per il Museo Del Gioiello di Vicenza ha curato la mostra "I gioielli del mare" (marzo – luglio 2015).

Attenta osservatrice della realtà indiana ha pubblicato India in progress: gli aspetti di una sfida (Ed.Ariete,1991). Esperienze di viaggio e ricerca sul campo hanno portato alla pubblicazione Fiabe e leggende della Malesia (Ed.Arcana,1993).

Collabora con l’Osservatorio per le Arti Decorative dell’Università di Palermo e con il Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia nella consulenza di progetti di studio nell'ambito etnografico e storico delle arti applicate.

Scrive per numerose testate giornalistiche italiane e straniere.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.