• I gioielli di Giò Pomodoro - Il segno e l'ornamento

    I gioielli di Giò Pomodoro - Il segno e l'ornamento

La produzione orafa del Maestro Gio’ Pomodoro in mostra

Dal 22 marzo al 19 settembre 2018

a cura di Paola Stroppiana

Dai primi gioielli degli anni ‘50, con i quali partecipa alla Biennale di Venezia del 1956, la produzione orafa del Maestro Gio’ Pomodoro (Orciano di Pesaro 1930 - Milano 2002) si sviluppa autonoma e costante nei decenni, spesso anticipando gli esiti della pratica scultorea, per il quale è universalmente noto. Esplorando le potenzialità della forma e della materia, già a partire dal 1953 Pomodoro applica l’antichissima tecnica della fusione dell’oro colato negli ossi di seppia scavati in negativo, ottenendo delle particolari texture sulle superfici, esaltate come straordinario elemento decorativo. Le varie tipologie dell’oro, il rosa e il bianco, il misurato inserimento di pietre preziose, le filettature in oro bianco, i castoni a bordi rovesciati contribuiscono a caratterizzare fortemente i suoi gioielli, che dichiarano una forte componente organica e raccontano il passaggio dal figurativo all’Informale.

Dalla seconda metà degli anni ‘60 lo studio sul vuoto e sulle tensioni lineari, espresse nelle Superfici in Tensione e nelle Folle nella scultura, sono parimenti leggibili nei gioielli, dove è presente un’organizzazione segnica più mentale e rigorosa, con effetti di continuo movimento e tensioni di energia tra le superfici. Pomodoro seppe sfruttare appieno l’ampia conoscenza delle tecniche orafe apprese negli anni della formazione, applicate sia in autonomia sia in collaborazione con grandi artigiani orafi, in particolare con i Fusari, padre e figlio, di Graffignana presso Lodi, i Fumanti di Roma e il cugino Marcello Lissoni. Di questo periodo i gioielli prodotti per la GEM di Giancarlo Montebello, uno dei primi esperimenti di produzione industriale seriale.

Negli anni ‘70 prevale un maggiore geometrismo: all’elemento meccanico, arricchito da avvitature e cerniere, si affianca uno spiccato uso della cromia dato dall’uso di smalti, che diventeranno protagonisti degli esemplari degli anni ‘80, espressione di una visione più elaborata ed estrosa. I prototipi e le nuove ricerche degli anni ‘90 sulle pietre dure per la Cesari&Rinaldi portano il maestro ad una nuova stagione creativa, ricca di sperimentazione in termini di disegno e cromia.

Paola Stroppiana

studio per anello a staffa e cubo, 1995

oro 18kt e ottone

1967 modello GP1 per GEM Montebello
collana, argento rodiato

Collana, 1964

oro puro, oro rosso, oro bianco, smeraldi, rubini

Bracciale, 1972

oro bianco, oro giallo, malachite

Bracciale, 1967

oro giallo, smalti, diamante

spilla 1958

oro giallo, oro bianco, smeraldi, rubini

orecchino singolo, 1957

oro giallo, rubino, perla barocca

orecchini Vela, 1993

oro 18 kt, sodalite

collana, 1967

modello GP4 per GEM Montebello, argento rodiato, courtesy Didier Ltd, London

collana Zeus, 1985

oro giallo, ametista, smalti, smeraldi, diamanti

collana con pendente, 1968

oro giallo, oro bianco, smalti, zaffiri, diamanti

collana Spora, 1995

oro puro, oro bianco, smalti dettaglio

collana 1995

oro giallo e ametista, dettaglio

bracciale, 1980

oro giallo, oro bianco, smalti, zaffiri, diamanti

bracciale, 1970

oro puro, oro giallo, oro bianco

spilla, 1964

oro giallo, oro bianco, oro rosa, zaffiri e rubini

Rassegna stampa



      • Al Museo del Gioiello tra riduzioni e facilitazioni

        Al Museo del Gioiello tra riduzioni e facilitazioni

        Mercoledì, 11 Luglio 2018

        Grazie alle nuove partnership con Trenitalia, Touring Club, Feltrinelli, Fai e Amici dei musei e monumenti veneziani, da questa estate sono previste numerose riduzioni per soci e clienti
      • Gio’ Pomodoro: un artista illuminato dalla scultura alla gioielleria

        Gio’ Pomodoro: un artista illuminato dalla scultura alla gioielleria

        Giovedì, 24 Maggio 2018

        “Con la mostra ospitata presso il Museo del Gioiello, viene celebrato il grande scultore e la sua essenza”, afferma nell’intervista Bruto Pomodoro
      • Inaugura la mostra dedicata al grande artista Giò Pomodoro

        Inaugura la mostra dedicata al grande artista Giò Pomodoro

        Mercoledì, 21 Marzo 2018

        Da domani 22 marzo e fino al 2 settembre 2018 la mostra “I gioielli di Gio’ Pomodoro: il segno e l’ornamento”, curata da Paola Stroppiana, celebrerà il grande artista attraverso un’ampia selezione della sua produzione artistica: tra le opere esposte moltissimi gioielli provenienti da collezioni private raramente accessibili al pubblico.

      Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di profilazione e pubblicitari, anche di “terze parti”.
      Cliccando sul tasto CHIUDI o proseguendo la navigazione verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente secondo le sue preferenze, accedendo alla sezione “gestione dei cookies” dell’informativa sulla privacy.